06 ottobre 2008

 

L'incrocio cieco.

Seppure con rammarico (non è mia intenzione parlarne nel blog), mi trovo nuovamente a commentare le notizie dei nostri giornali locali, in cui spiccano non tanto gli articoli stessi ma le situazioni incredibili che determinano i più brutti fatti di cronaca.
Veniamo alla prima situazione, direttamente dal Messaggero di domenica scorsa, 28 settembre 2008:

Incidente in via dei Monti Tiburtini. Perdono la vita due ragazze.

A causare il gravissimo incidente in via dei Monti Tiburtini sarebbe stato «il mancato rispetto dello stop da parte della Volvo, che si stava immettendo nella strada principale». È quanto sostengono i vigili urbani del V gruppo, dopo gli accertamenti eseguiti ieri sul luogo del tragico scontro. Secondo i primi rilievi, l’automobilista non avrebbe rispettato uno stop immettendosi da uno svincolo sulla strada principale, dove viaggiava la Fiat 500 con a bordo le due donne morte nello scontro.
Secondo la riscostruzione della polizia municipale, la Volvo avrebbe urtato con la parte anteriore sinistra la parte destra dell’utilitaria. La conducente della Fiat, per tentare di evitare l’impatto, avrebbe occupato parte della carreggiata opposta, dove in quel momento arrivava il pullman turistico. L’autista dell’autobus ha quindi tentato di sterzare, sostengono i vigili urbani, «ma ha preso lo stesso in pieno la Fiat, facendola indietreggiare di qualche metro e facendola finire contro una Renault Espace che stava dietro l’auto delle due ragazze». Dopo l’impatto, il pullman è finito nella scarpata.
Se sulle cause dell’incidente la polizia municipale sembra essere giunta a una ricostruzione attendibile, resta però il tema dei rischi collegati al nuovo sistema di viabilità inaugurato con l’avvio dei cantieri del nuovo tracciato della tangenziale est, un’opera che le Ferrovie dello Stato stanno realizzando nell’ambito dei lavori per la nuova stazione Tiburtina. «Il percorso provvisorio presenta diversi rischi, anche perché la segnaletica orizzontale è insufficiente», dicono in ambienti vicini al V gruppo. Tra i punti di debolezza ci sarebbe proprio l’intersezione dove è avvenuto l’incidente di ieri mattina. Lì chi si immette sulla strada principale, spiegano i caschi bianchi, è costretto a svoltare “a gomito”, con possibilità di manovra ridotte. E per autovetture di grandi dimensioni, come la Volvo, i rischi sono moltiplicati.
Fa.Ro.
Guardiamo ora le immagini del servizio:



Aggiungo anche qualche commento "fuori campo" incluso nell'articolo originale:

Carreggiata ristretta
I lavori per la realizzazione della nuova tangenziale est e della stazione Tiburtina hanno ridotto la larghezza della strada

«Quella traversa cieca è una trappola: si tratta di una tragedia annunciata»
Denuncia dei residenti. E il Comune chiude lo svincolo

«La Volvo non ha rispettato lo stop. Ma quel punto è molto pericoloso»

I vigili intervenuti sul posto: «Fatte diverse segnalazioni»
Mi sorge spontanea e repentina una domanda: ma chi è il pazzo che ha concepito una situazione del genere???
Guardiamo bene le fotografie, da sinistra verso destra.
Prima foto, anche un ipovedente si renderebbe conto che, venendo dalla direzione in cui si trova l'osservatore (cioè dalla Tangenziale Est), non si vede assolutamente nulla, neanche l'immissione sulla destra!
Seconda foto, anche qua stessa prospettiva per chi di lì si immette su via dei Monti Tiburtini: un muro di cemento.
Dalla prima e dalla terza foto si capisce chiaramente che chi ha concepito i jersey di cemento a restringimento della carreggiata, non si è minimamente posto il problema di quella immissione cieca, che anche se non fosse stata tale avrebbe comunque causato notevoli problemi in fase di immissione, per cui il tratto ristretto, pur se in curva e molto pericoloso, è stato lasciato ad una sola corsia, mentre il tratto inverso è stato inutilmente mantenuto a 2 corsie, nonostante la visione della strada per chi viene in discesa è molto più chiara.
Capisco le ragioni del traffico, per cui si è teso a favorire quello proveniente dalla Tiburtina, molto più consistente, ma il risultato eccolo qua.
Dalla foto aerea si deduce che si sarebbe potuto comodamente mantenere la seconda corsia per chi proviene dalla Tangenziale Est, e restringere la corsia opposta a una singola corsia, quantomeno fino all'immissione sulla destra prima di Ponte Lanciani. Proprio a volere una cosa fatta bene, si sarebbe anche potuto allargare di circa una corsia tutta la zona dei lavori che precede l'immissione cieca (e magari rimuovere quel muro di jersey perpendicolare al senso di marcia, posto all'inizio dei lavori) e solo poi riavere entrambe le corsie per chi va verso la Tiburtina, in modo da facilitare l'immissione senza dare la precedenza. Si sarebbe trattato in ogni caso di verniciare diversamente la segnaletica orizzontale. Difficile?

Potremmo come sempre chiamarla "fatalità", ma complimenti di cuore a chi si preoccupa della nostra salute in strada. Come mai certe poltrone al Comune non si liberano mai?

Buon viaggio!

Etichette: , , , , , ,


26 giugno 2008

 

Le ultime notizie sul traffico romano

Ogni tanto, a scopo dilettantistico, mi metto in cerca di qualche notizia curiosa da inserire sul blog. Ovvio che cerco di selezionare le cose interessanti e lasciare da parte tutti gli argomenti inerenti incidenti, blocchi temporanei del traffico e striscie blu varie, prediligendo situazioni su cui si possano intraprendere discorsi intelligenti e costruttivi. Insomma, di giornalismo spicciolo, di notizie da due soldi, qua, non ce ne facciamo nulla, non se sentiamo proprio il bisogno e vogliamo lasciarle volentieri ai lettori di Metro, City, EPolis, e di tutti gli altri quotidiani metropolitani fatti di un ANSA e due figure.
Ecco perchè con questo articolo vengo a pubblicizzare una mia recente scoperta del web, che capita proprio a fagiuolo col blog:
la sezione Roma - Muoversi de Il Messaggero.
Sicuramente è un'ottima idea da parte del redattore online, quella di raggruppare tutti gli argomenti viabili in un'unica sezione accessibile con un click, sicuramente Il Messaggero è un'ottimo quotidiano, nonchè una delle principali testate romane, sicuramente siamo interessati a tutto ciò, e ovviamente ne traiamo frutto clikkando a nostra volta.

Ricapitolando, quello che NON troverete sul mio blog (vi risparmio inutili e speranzose visite future) sono argomenti inerenti:
- INCIDENTI, di cui ovviamente non sia stato testimone o, ahimè, partecipante attivo o passivo
- NOTIZIE INUTILI, di cui davvero possiamo fare a meno
- NOTIZIE FUTILI, che sono sempre notizie inutili ma temporaneamente gonfiate ad arte dai media
- NOTIZIARI DEL TRAFFICO, qua facciamo solo da tramite, il servizio lo offre volentieri qualcun altro
- POLITICA, se non strettamente legata ad argomenti automobilisitici

Per tutto quanto riportato sopra in elenco, potete rivolgervi qua:
Roma - Muoversi de Il Messaggero.

Buon viaggio!

Etichette: , , , , , , , ,


This page is powered by Blogger. Isn't yours?

Iscriviti a Post [Atom]