15 febbraio 2008

 

La SS 8 Via del Mare

Guide

Oggi si parla di uno dei tratti stradali che percorro più spesso, specialmente di notte: la Via del Mare, o SS 8.
Una storia fotografica di questa strada si può trovare su internet sul sito AGROROMANO.NET, e andiamo a scoprire che anticamente fu inaugurata come "prima autostrada italiana" nel 1928, con tanto di illuminazione. L'odierna SS 8 parte invece da viale Marconi (zona EUR), e segue tutto il corso del Tevere verso Ostia, con arrivo finale a Piazza dei Ravennati, al cosidetto Pontile. La strada è caratterizzata da pochi svincoli presenti, un andamento prevalentemente rettilineo e la costante presenza di alberi (platani) in banchina, come volevano le mode del tempo, e questa breve descrizione pone in rilievo quelli che sono anche i fattori elementi di rischio di tale strada, tanto incidenti da farla entrare nella top 10 delle strade pericolose italiane. Con rammarico constatiamo che la posizione in classifica si sta allontanando dalla vetta, non perchè sia stata messa in sicurezza, ma perchè sono subentrate di diritto altre arterie ben più pericolose.
Tornando alla pratica, su questa strada sono in vigore, dal giorno di inaugurazione nel 1928 (questo è almeno quanto riferitomi dalla Polizia Stradale in occasione di un verbale), i seguenti divieti:
- limite di velocità 70Km/h
- no autocarri
- no carretti con traino animale
- no biciclette
- no ciclomotori
- no motociclette
La prima, spontanea domanda che ci si pone è: ma nel 1928, esistevano pure le motociclette? come erano fatte? Ebbene, ho cercato su internet e ho trovato traccia di una tale "Lilliput", prodotta nel 1899, ben 30 anni prima!
E come era fatta questa motocicletta? Ho cercato di ricostruirla mentalmente, partendo da 3 assi di legno e un motore a vapore, alla fine dopo varie simulazioni sono giunto a conclusione che, alla faccia dei 66 euro di verbale affibiatimi con un secolo di ritardo dopo dai solerti agenti, nel 1928 avrebbero comunque fatto benissimo a tenere un simile aggeggio lontano da una strada percorsa da automobili... (Ma le automobili come erano fatte?? vabbè...)
Rimanendo in tema motociclistico, dovrebbero spiegarmi poi il perchè sulla parallela SS 8 bis, o via Ostiense, che è ricca di incroci a raso privi di regolazione semaforica (quindi con precedenza fai-da-te), dove non c'è guardrail tra carreggiata e alberi, dove l'asfalto è simile al suolo lunare, dove possono passare anche i T.I.R. nonostante la larghezza di carreggiata sia esigua, un divieto ai motocicli non esista...
Esauriti i legittimi sfoghi personali, torniamo all'aspetto viabilità generica.
Come la vedono gli automobilisti.
La prima osservazione fatta da chi la percorre quotidianamente riguarda il nome. Va bene che porta al mare, ma 30 Km di strada dritta, percorsa, quando va bene, a 70Km/h fissi, perchè non l'hanno chiamata "Via delle Caccole"??? In tali condizioni di viabilità, trovare il modo di ispezionare il proprio apparato olfattivo e tenere aperto un finestrino per eventuali evacuazioni, senza peraltro causare eccessive turbolenze dovute alla velocità, è la cosa più naturale che venga di fare all'automobilita medio. Al semaforo sei comodamente fermo ma ti vedono gli altri e non sta bene, in autostrada le evacuazioni si incollerebbero agli sportelli posteriori per le turbolenze, ma qua è proprio una pacchia... Alzi la mano chi non ha mai praticato tale attività sulla Via del Mare.
Come la vedono i motociclisti.
Viene naturale imboccare la Via del Mare nonostante ci si trovi in divieto, soprattutto perchè nessuna mente sana preferirebbe percorrere in moto, visti i rischi ben più evidenti, la parallela via Ostiense, inoltre il tabellone dei divieti nei punti di accesso è una tale accozzaglia di cartelli da risultare difficile da leggere per intero mentre si è in movimento.
Come la vedono i burocrati.
Come tutte le strade italiane, sicuramente vi si sarà verificato almeno un incidente raccapricciante, ecco allora che interviene la coscienza preventiva del burocrate, che spinto dalle futili pressioni dei media e dei perbenisti, comincia ad installare sistemi di controllo traffico avanzatissimi lungo ogni metro di strada.
E' così che ogni utente che percorre il tratto G.R.A.-Ostia incappa nell'ordine in:
- un "demotivatore" che indica la velocità del veicolo, alla prima piazzola appena immessi
- un sofisticato sistema di rilevamento dei sorpassi (o qualcosa di comunque molto simile all'oggetto qua in foto) operativo probabilmente in entrambe le direzioni, presente al Km 14 + IV (altezza Marina di Roma)
- una coppia di autovelox con sensore su asfalto, riconoscibili dalle cellule con telecamera installate sopra la carreggiata (vedi seconda foto) con pali tipo tabellone autostradale, operativi in entrambe le direzioni, al Km 15 + V
- un autovelox imboscato nella vegetazione laterale, ma che apparentemente copre solo la corsia verso Roma centro, costituito da un palo con 2 telecamere e relative fotocellule + cabina con oblo per foto, al Km 16 + IV (altezza bivio centro Giano)
- altra coppia di autovelox con sensore su asfalto, operativi in entrambe le direzioni, al Km 17 circa, verso la fine della salita per svincolo Acilia. Molto insidiosi perchè si trovano in corrispondenza di rami degli alberi e di un cartello di divieto di sorpasso e limite 70, difatti mi erano sfuggiti...
- un altro "demotivatore" per chi viene nel senso opposto è istallato poco prima dal tunnel di Acilia
- altro simil-autovelox, puntato verso Roma, ma con azione su entrambe le corsie, si trova al Km 21 + VI (al primo curvone dopo il lungo rettilineo, a metà tra il ponte pedonale blu e la tabella di divieto di sorpasso e limite 70)
E' finita? Nooo.
Possibilità di autovelox mobili:
- nella piazzola al sopracitato Km 21 + VI, direzione Ostia (Marea Polizia Provinciale), visibili con difficoltà
- tra i guard-rail nei varchi di accesso alle aiuole sotto al G.R.A., nel tratto a 2 corsie, impossibile vederli
- nelle piazzole lungo il rettilineo che passa per Tor di Valle
- sotto al tunnel di Acilia in direzione Ostia, all'altezza dell'immissione laterale sotto al tunnel, difficili da vedere, o almeno, serve un occhio attento
E ancora, posti di blocco:
- al Km 14 + IV, nella rientranza di accesso alla "Marina di Roma"
- al semaforo di Ostia Antica
- appena passato il semaforo di Ostia Antica, dove la strada diventa a senso unico e prende per Fiumicino, in corrispondenza dell'inizio dello spartitraffico tra i 2 sensi di marcia
Intanto va detto che l'autovelox con sensori sull'asfalto è pericolosissimo, perchè se uno deve correre (e c'è chi se lo autoimpone come motivo di vita) e conosce i "punti critici", la prima cosa che fa è buttarsi contromano, così la foto non la prende... Questa cosa pare sia di moda anche tra gli utenti autostradali, che per evitare i sensori sulle 3 corsie passano per quella d'emergenza... Ma qua andiamo fuori tema.
Anche il fatto che la Via del Mare sia supermonitorata può spingere gli automobilisti intrepidi a percorrere la ben più pericolosa parallela SS 8 bis via Ostiense o via dei Romagnoli, con tutte le conseguenze che ne deriverebbero.
Ultimo, ma non per ordine di importanza, il fattore sonnolenza.
Questa strada, fatta al ritorno da una giornata di mare, o da una bevuta in riva al mare di notte, o da una serata al Cineland, o da una mangiatona di pesce, ha un vero effetto soporifero: 30 Km di rettilineo, ma bastano solo i 18 tra Ostia e G.R.A., sono sufficienti ad addormentare un elefante...

Sicuro che mi sto dimenticando qualcosa, ma tanto l'argomento è già lungo abbastanza così, ringrazio chi si è intrattenuto fino a queste ultime righe, e ricordate di lasciare un commento :)

Buon viaggio!

Many thanks al sito "areaGPS by Ross"



Noleggio Auto

Etichette: , , , , , , ,


This page is powered by Blogger. Isn't yours?

Iscriviti a Post [Atom]